30/12/15

Piera Mazzone racconta Oltre il Mio Destino



SERRAVALLE - 18 DICEMBRE

PRESENTAZIONE

OLTRE IL MIO DESTINO
di Elena Macchiorlatti



Venerdì 18 dicembre presso la Sala Conferenze del Centro Sociale di Serravalle, è stato presentato il volume: “Oltre il mio destino” di Elena Macchiorlatti e Barbara Saccagno: un’iniziativa fortemente voluta dall’Assessore Alessandra Delvecchio, che ha coinvolto anche le principali associazioni del Paese, perché il cancro non dev’essere un buco di solitudine, ma una storia corale.
Sabato 19 dicembre le Autrici sono state presenti in Biblioteca dalle 10 alle 12, a disposizione di coloro che volessero conoscere o porre domande.

Coraggio, forza, determinazione: queste sono le caratteristiche di Elena Macchiorlatti, che ha trasposto la propria drammatica esperienza: un cancro all’utero al IV stadio a ventisette anni con una figlia di tre anni, in un libro intitolato significativamente: “Oltre il mio destino”, una sfida a quella che pareva essere una sorte infausta.
Elena ha combattuto duramente, accettando anche i momenti di sconforto, ha pazientemente ricostruito i suoi rapporti con gli amici, con la vita sociale, con il lavoro e, aiutata dai suoi genitori, oggi è una giovane donna “normale”, che ha riconquistato quella dimensione della quotidianità che pareva esserle stata preclusa per sempre.

Elena per raccontare la sua storia ha scelto la forma letteraria del romanzo autobiografico, per porre tra sé e Nina, la protagonista, uno spazio tale da consentirle un livello di narrazione oggettiva. Barbara Saccagno, archeologa come formazione, ha “scavato” in profondità, trovando il coraggio di accompagnare Elena nel baratro e di prenderla per mano nella risalita. Il risultato è un libro da leggere come una bella storia, perché è vera, lasciandosi coinvolgere senza pregiudizi, perché è davvero una vicenda che infonde speranza e che potrà aiutare molte persone. Il cancro non è una malattia “contagiosa”, pertanto è importante continuare a stare vicino a chi ne è vittima con l’Amicizia, avendo il coraggio di affrontare gli inevitabili cambiamenti che la malattia comporta, chiedendo tutti i giorni: “Come stai?”, perché questo infonde forza e fiducia, è un incoraggiamento a proseguire in un cammino difficile in fondo al quale si intravede una luce. Questa condivisione della malattia è stata auspicata anche da alcuni componenti dell’AISM, Associazione Sclerosi Multipla, che ha una sede messa a disposizione dal Comune a Vintebbio, nei locali della ex scuola elementare e da Marta, una rappresentante della Fondazione Tempia molto attiva sul territorio.

Piera Mazzone

Direttore Biblioteca Civica “Farinone-Centa” di Varallo

Corriere Valesiano, 23 dicembre 2015



23/12/15

Una sera a Serravalle

Il nostro venerdì sera pre natalizio è stato davvero un momento intenso e vivace di discussione e riflessioni per ragionare tutti insieme sui veri valori della vita.

Innanzitutto è doveroso il ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato con calore alla presentazione, scegliendo di regalarci un pò del loro tempo, poi, un grazie di cuore a Massimo Basso, che ci ha aperto le porte del Comune di Serravalle con entusiasmo, all'assessore Alessandra Delvecchio, che ci ha accolto, letto, supportato con coinvolgimento e sensibilità e che ha reso l'incontro interessante ed intenso con le sue riflessioni di lettura, al Sindaco e naturalmente the last but not least un infinito grazie a Piera Mazzone, direttore Biblioteca di Varallo Farinone Centa, che è stata nuovamente con noi e che con la sua sensibilità e grande cultura ha dato ancora un valore aggiunto non comune al racconto di Oltre il mio destino.

Bello è stato avere con noi, nella bellissima ed accogliente Sala Incontri sopra la Biblioteca di Serravalle, amici cari, famigliari e gente sconosciuta, che sono stati parte attiva di un dialogo aperto con le autrici per approfondire tematiche importanti; grazie anche alla presenza dei rappresentanti del Fondo Edo Tempia Varallo e Associazione Italiana Sclerosi Multipla di Serravalle Sesia si è approfondito con Elena, attraverso la sua esperienza di vita, riflessioni che sono diventate spunti da approfondire ogni giorno, per aprirsi all'altro e non chiudersi mai in sè stessi.

Ogni volta il dialogo ed il raffronto con il pubblico sono un bel viaggio che porta ben oltre la storia raccontata diventando un piccolo spiraglio per capirsi meglio e per aiutare gli altri, attraverso le proprie esperienze e i propri pensieri: bello!

Grazie!
Barbara


17/12/15

Una mini recensione per me


"La storia terribile di Nina , una ragazza ventisettenne che improvvisamente si trova a dover lottare contro il cancro, ma che senza mai arrendersi, riesce  a vincere la malattia.
Raccontata con ironia e un'incredibile carica di positività, la sua storia diventa in questo libro,  una grande lezione di vita.
Da non perdere."

                                                   Ferruccio A.





Un grande grazie ad un amico, amante dei libri di Stephen King che si è lasciato conquistare dalla mia storia, grazie di cuore.


Elena


14/12/15

Presentazione Serravalle Sesia 18 dicembre ore 21



Con il patrocinio del

COMUNE DI SERRAVALLE SESIA



Venerdì 18 dicembre ore 21
Presso la sala del Centro Sociale di Serravalle Sesia
in via Bellaria (sopra la Biblioteca)






Piera Mazzone, Direttore della Biblioteca Civica
Farinone-Centa di Varallo
intervisterà le autrici Elena Macchiorlatti e Barbara Saccagno



SABATO 19 dicembre le autrici saranno presenti

 nella Biblioteca Comunale dalle 10 alle 12


VI ASPETTIAMO!

30/11/15

Notizia Oggi, Grazie!




                                                                           
                                                                            Wooow che emozione leggermi! 

Un grande grazie a Piera Mazzone, Riccardo Valsesia e a Notizia Oggi





Elena


La mia prima presentazione ufficiale!

Ciao a tutti, che bello la prima presentazione è andata, abbiamo rotto il ghiaccio!

All'ombra della meravigliosa chiesa di S. Andrea e nell'accogliente spazio della Libreria S. Andrea  di Vercelli, che ringraziamo moltissimo per averci ospitato al taglio del nastro quali novelle autrici, abbiamo fatto una piacevole ed intima chiacchierata.
Per me, quale scrittrice impropria, è stata la partenza proprio nella città della mia università e per Elena la prima uscita con il pubblico.
Ringraziamo i presenti, pochi ma buoni, per il supporto, per averci ascoltato e per i complimenti che ci hanno fatto, conquistare un lettore amante di King non è da poco!

Vi aspettiamo alle prossime presentazioni, mi raccomando abbiamo bisogno del vs supporto e calore!

Grazie.

                                                                    Barbara ed Elena

Oltre Il Mio Destino, edizioni Anordest

26/11/15

La nostra prima messa in onda su up radio

                                                                                                                                                                                                                              Ciao amici, 

ieri per me è stata una serata piena di 'tensione', al contrario di Barbara: mi faceva aumentare il nervoso vederla così rilassata qualche minuto prima della diretta radio; così il suo compagno che scimmiottava la 'ragazza sul ring' in ciabatte ed accappatoio per farmi ridere e rilassare, ma non mi faceva l'effetto giusto! 
Io tremavo come una foglia nella lunga attesa.

Quando ho sentito il trillo del telefono cellulare il mio cuore si è fermato per un attimo ed avevo un nodo che mi serrava la gola, ma grazie alla calma della mia socia tutto è andato liscio e la tensione è svanita.

Alla fine ci siamo divertite a rispondere alle domande di Annalisa, la speaker di Up Radio, una ragazza semplice e molto preparata e che ringraziamo per averci dato questa opportunità. 

Un'esperienza che spero rifaremo presto!




Elena 



Presentazione con Piera Mazzone, Varallo, 05 Dicembre ore 11


Carissimi amici siete tutti invitati alla presentazione del libro che si terrà nella Biblioteca di Varallo, la mia città, con Piera Mazzone, non vedo l'ora!



COMUNICATO STAMPA

OLTRE IL MIO DESTINO di Elena Macchiorlatti

Presentazione in Biblioteca a Varallo, sabato 5 dicembre, ore 11

Sabato 5 dicembre nella Sala Conferenze della Biblioteca Civica “Farinone-Centa”, alle ore 11, verrà presentato il primo libro di Elena Macchiorlatti, scritto in collaborazione con Barbara Saccagno. Oltre il mio destino è un’autobiografia che nasce da un profondo bisogno di raccontare in trasparenza un capitolo difficile di vita vissuta dall’autrice, Elena alias Nina, che inizia con un devastante tsunami, un cancro all’utero diagnosticato a 27 anni, e si conclude con la gioia di ritrovarsi sopravvissuta, cambiata e più forte, pronta per iniziare una nuova vita.
È una storia narrata in prima persona in forma di romanzo, con un linguaggio semplice, intriso di pathos, che mette a nudo l’anima e la mente della protagonista che rivive la caduta nel gorgo della malattia, il lungo e nebuloso calvario fatto di lotte, di sconfitte, di grinta, di forza e di tante coraggiose battaglie, sino alla definitiva vittoria della sua personale guerra contro quel cancro che le ha cambiato la vita. Ma è anche una storia d’amore, di ragazza, di donna, di madre, di figlia…
Un romanzo scritto a quattro mani con Barbara Saccagno, dove la protagonista, Nina, si racconta alla co-autrice che raccoglie la testimonianza di un viaggio che è un atto di coraggio, un esempio “vissuto in prima persona sulla propria pelle”, che dimostra come anche quando tutto sembri perduto, la malattia parrebbe invincibile… un miracolo è sempre possibile, purché non si getti mai la spugna.
Così si presenta l’Autrice: “Sono Elena Macchiorlatti, l’autrice e la protagonista di  “Oltre il mio destino” – dove ho assunto il nome narrativo di Nina -, la mia autobiografia romanzata, che racconta uno dei più duri e difficili periodi della mia esistenza: la lotta al tumore nel pieno della mia giovinezza.
Una storia difficile che ho voluto fortemente scrivere perché è ancora, nonostante tutto, parte di me, perché ha cambiato drasticamente la mia vita, tutto è stato stravolto e segnato.
Alle soglie dei miei primi quarant’anni, finalmente guarita e tornata alla “normalità”, ho pensato che fosse giusto narrare cosa ho sopportato, quanto duramente ho lottato, il percorso che fortunatamente mi ha portato ad una nuova rinascita, perché condividere è stata una catarsi per me e spero possa tornare utile per tutti coloro che sostengono questa lotta o sono al fianco di chi la deve purtroppo intraprendere, o solamente per chi ha il coraggio di affrontare questo argomento. Credo fermamente che raccontare ciò che significa la malattia vista dal “malato” possa aiutare a trovare stimoli e forza per andare avanti sempre, anche nelle più grandi difficoltà, in fondo, i miracoli sono possibili: io sono qui a testimoniarlo”.
Barbara Saccagno, che ha trasferito in un racconto scritto la drammatica esperienza vissuta da Elena Macchiorlatti, si presenta a sua volta: “Ho una laurea in lettere-indirizzo archeologia medievale. Ho seguito progetti di ricerca d'archivio e mi sono buttata in eventi di arte contemporanea: un bel tuffo dal passato al presente, quasi futuro... Ho approfondito lo studio del marketing e della progettazione culturale. Collaboro con piccoli ecomusei del mio territorio. Mi capita di scrivere articoli culturali, di realizzare interviste in chat, articoli scientifici, ma raramente mi lascio tentare dalla scrittura letteraria,  ho scritto un e-book, Absentiae, e alcuni racconti pubblicati in miscellanee. Mi occupo anche di Progettazione e Comunicazione Culturale. Sono vicepresidente dell'Associazione Culturale Eunomica, che guarda all'economia attraverso la cultura, di cui è figlia, sorella e madre, dove mi occupo di gestire il blog con articoli ed interviste, oltre che della fase progettuale. Collaboro con Ripensandoci.com, rivista online di cultura al femminile. Sono anche CTA per Piemex, il circuito di credito commerciale che mette al centro la buona economia partecipativa a vantaggio del territorio”.
Partecipare a questa presentazione sarà un modo per riflettere e sdrammatizzare la paura di una malattia che oggi, grazie ai continui progressi della medicina, è sempre più curabile.


Piera Mazzone
Direttore Biblioteca Civica “Farinone-Centa” di Varallo







25/11/15

Dicono di me...





Il messaggio sms che mi ha inviato ieri la mia amica Paola.G, che ringrazio per queste belle parole con tutto il cuore!


Elena





Dicono di oltre il mio destino...

"Ho appena terminato la lettura del libro: Oltre il mio destino
Una scrittura scorrevole, malgrado il tema vero tabù ai molti, dove la sofferenza vissuta nella sua integrità, viene narrata con la disinvoltura di chi c'è la fatta, malgrado tutto, a vincere paure talvolta inenarrabili.La lettura sorprende per i tratti a volte sin divertenti, dove sembrerebbe esserci spazio solo per tristezza ed angoscia. L'autrice ci conduce con il suo racconto autobiografico in un viaggio verso la speranza con la gioia della consapevolezza di avere vinto una battaglia che come lei molte persone si
trovano  a combattere.
Un libro consigliato a tutti, uno stralcio di vita comune che diventa straordinaria grazie alla forza d'animo che l'autrice trasmette a chi lo legge.
Brava."

                                                                                                                       Sara.F

Grazie per le belle parole e per il tuo apprezzamento: mi conosci bene 😄

Elena


17/11/15

Vercelli 27 Novembre La prima presentazione in Libreria

Amici ci siamo!

Prima presentazione in Libreria:
Libreria S. Andrea a Vercelli
Venerdì 27 Novembre 2015
ore 18.00
Via Guala Bichieri 1, a fianco della splendida basilica di Sant'Andrea.
Vi invito tutti, fatemi un pò di coraggio e di supporto, ho bisogno di voi!
Emozione!

http://www.libreriasantandrea.it/contatti_9.html


La mia prima recensione

Oggi sono molto contenta perché è uscita la prima recensione del mio libro Oltre il mio destino  ne la Casa sulla Roccia, il bollettino della mia parrocchia, S. Gaudenzio di Varallo Sesia.


Voglio ringraziare personalmente, con tutto il cuore, Don Roberto, il mio parroco, per la sua disponibilità, gentilezza, partecipazione, per la gioia che mi ha manifestato e per i suoi consigli, di cui farò tesoro.

Quando ho aperto per la prima volta il bollettino mi sono commossa leggendo il titolo della recensione: "Ecco come ho vinto il cancro " , quelle poche parole , come un lampo a ciel sereno, mi hanno riportato alla mente il difficile percorso che ho affrontato per arrivare ad oggi. 
Devo ammettere che è stata dura, sì molto, e che ne porto ancora le ferite ma è una gioia vedere che c'è l'ho fatta e che, proprio grazie alla mia malattia, abbia imparato ad aiutare le altre persone con il mio racconto, magari soltanto per un breve attimo però so di poter testimoniare che con il coraggio e la positività si può affrontare meglio questa terribile malattia.

Non avrei mai pensato che un giorno avrei pubblicato un libro, in realtà non lo immaginavo nemmeno, sin dall'inizio della malattia quello che per me era importante era poter lasciare a mia figlia le mie memorie, perché potesse conoscere il mio percorso e fosse fiera di me anche se non ce l'avessi fatta... per fortuna oggi siamo qua insieme!

Poi, ho deciso di scrivere un libro vero, ma un conto è scriverlo e attendere di essere pubblica un altro è vedersi raccontata e letta da tante persone sconosciute ed amici, soltanto adesso mi rendo conto che sto iniziando un nuovo viaggio, è un nuovo inizio.

Speriamo che questa volta la mia strada sia tutta in discesa, anche se, lo ammetto candidamente, ho tanta paura! 

(se volete leggerla 
http://www.parrocchiavarallo.it/bollettini/bollettini2015/SETTEMBRE_2015.pdf)
Elena



Ci siamo...

Oggi sono felice!
La mia casa editrice mi ha dato la comunicazione ufficiale dell'uscita il libreria del mio romanzo autobiografico Oltre il mio destino.
Vi posso dire che potrete acquistarlo in tutte le librerie a partire del 10 Novembre e lo trovate su tutti i principali bookshop on line.
Vi farò una pagina con i link dove potrete acquistarli e le date delle presentazione dove io, protagonista ed autrice, e Barbara, scrittrice, presenteremo e venderemo (speriamo...) il romanzo tanto atteso.

Non vedo l'ora di cominciare quest'avventura sono molto emozionata e anche imbarazzata nello svelare tutti i miei segreti e il vissuto di quegli anni bui.

Sapete in tutto questo tempo non ho mai pensato che saremmo arrivati davvero a pubblicare la mia storia è stata un'emozione indescrivibile vedermi in copertina, quella sono proprio io, non riesco a crederlo ancora veramente. 
Ora che ho ricevuto il romanzo cartaceo in mano ho capito che è tutto reale, l'odore della carta e il ripercorrere questi anni densi di ricordi, pathos, emozioni e tristezza ma anche gioie, amore e pazzie.

Spero vi piacerà!

Intanto vi dico grazie, perchè mi state vicino e perchè dimostrate entusiasmo e voglia di leggere la mia storia e questo per me è importante!

Elena


12/10/15

Io e il mio Blog

In questo blog, aperto da poco, non voglio parlarvi solamente del mio libro, certo parleremo anche di "lui", di come è nato il progetto, di come ho fatto a pubblicarlo, etc., ma anche, e forse soprattutto, di quanto sia importante la prevenzione nella lotta contro i tumori al femminile.

Sia chiaro, non parlo da esperta, non potrei certo permetterlo non sono un medico, ma voglio parlarvi da ex paziente, da una che ha vissuto sulla sua pelle ben due tumori.

Proprio durante la mia malattia ho compreso quanto sia importante parlarne senza tabù e paure perché bisogna avere il coraggio di affrontare in tempo la diagnosi, bisogna imparare a prevenire, perché il tempo è prezioso alleato.

Vorrei soltanto che sapeste quanto è importante aprirsi al dialogo, parlare della malattia, risolvere dubbi, superare l'ostacolo del "non sapere", confidatevi con un amico e abbiate la forza di andare da un medico, se temete di avere dei sintomi collegabili ad una malattia non perdete tempo, fate i corretti controlli ed informatevi. Sono certa che più impariamo a parlarne insieme, più ci confrontiamo, più potremo far crescere la consapevolezza che la "salute parte da noi", in questo modo sarà più facile debellare il cancro, o quantomeno servirà a ridurre i rischi di mortalità.

La prevenzione è un atto d'amore verso sé stessi molto importante.

Vi parlerò dell'importanza di una corretta alimentazione, sapere cosa stiamo mangiando e conoscere gli alimenti positivi ed negativi ci aiuta a progettare una vita più sana. Sembrerà banale eppure anche un pò di sano movimento ci fa stare meglio, certo molte volte siamo tentati di oziare davanti alla TV ma se scegliamo di fare una breve passeggiata sarà certo meno dannoso e più positivo per il nostro Io, a partire dall'umore... 

                                                                                                                                        Elena

Grazie...

Con grande piacere ringrazio di cuore il nostro Sindaco Eraldo Botta ed i suoi collaboratori, in particolare Lorena e Riccardo, per avermi concesso il patrocinio gratuito della Città di Varallo per il mio libro Oltre il mio destino.

Oltre il mio destino è la mia autobiografia scritta in forma di romanzo che racconta la mia storia, quella di un ragazza, di una giovane madre, che si trova a dover affrontare la sfida più dura della sua vita, la lotta contro il cancro. La protagonista, io, cercherà in tutti i modi possibili di tirare fuori la grinta per combattere ogni giorno per vincere la sua sfida più grande, rimanere insieme alla sua bimba di soli tre anni e vederla crescere.
Ma non troverete solo questo, parlerò della mia passione più grande, il ballo, delle mie storie d'amore, della Francia...

Racconterò anche della mia città natale, Varallo Sesia, e quella in cui tutt'ora vivo, un posto caro ed amato che non ho mai dimenticato nemmeno quando vivevo vicino a Nizza, una città che mi è sempre rimasta nel cuore, con la sua bellezza, con la pace del famoso Sacro Monte, là dove mi sono riavvicinata alla religione cristiana grazie ad un libro comparto proprio in una delle mie visite al Santuario...

Aver ricevuto l'onore del patrocinio della città di Varallo Sesia è stato un segno di riconoscimento gradito e che mi ha riempito d'orgoglio perché in questo posto tranquillo della Valsesia io, anche se sono quasi certa non mi crederete, io ho sempre sognato di vivere anche quando vivevo in Costa Azzurra, fra Vip e vita mondana, perché per me nulla di più bello c'è che vivere qui.

Ed ecco che tutto il mio affetto viene oggi ricambiato dalla mia cara Varallo.

                                                                       Elena




11/10/15

Papilloma virus, in sigla HPV

Perché per me è importante parlarvi di questo argomento?

Come ben sapete anni fa ho attraversato un brutto e complicato periodo a causa di un tumore all'utero, a quei tempi il vaccino per l'HPV non esisteva e a volte penso che se avessi avuto la possibilità di vaccinarmi forse non mi sarei ammalata, chissà... 
Ma questo è un altro discorso...

Voglio parlarvene perché per me è davvero fondamentale attivare un percorso di prevenzione che può aiutarvi a vivere meglio ed ad agire in tempo.

Io, come sapete, sono madre di una bella ragazza di 19 anni e sono attenta alla sua salute, da sempre le insegno a non temere la medicina.
Lei è stata vaccinata per l'HPV in Francia anni fa, dal mio ginecologo di fiducia, perché sapevo che con la mia patologia precedente corre maggiori rischi di contrarre la mia stessa malattia, per cui era meglio agire in tempo e vaccinarla contro il Papilloma Virus, che si trasmette per via sessuale, in modo tempestivo, prima che potesse iniziare ad avere rapporti; vedete quanto è importante parlare dei comportamenti sessuali corretti e dei rischi che si possono correre sin dall'età adolescenziale, senza tabù e con una grande apertura.

Il Papilloma Virus è considerato una delle principali cause del tumore del utero, quello che ho avuto io, per questo per me è fondamentale parlarne con mia figlia, si tratta di un'infezione molto frequente nelle donne, questo magari non tutte lo sanno; genericamente questa patologia si risolve da sola grazie al nostro sistema immunitario, ma se non stiamo attente le cose potrebbero andare diversamente, come è successo a me, questa infezione potrebbe aggravarsi provocando una lesione a livello del collo dell'utero che nel tempo ha un'alta probabilità di trasformarsi in un tumore alla cervice uterina.

I principali sintomi che possono mettervi in allarme sono:
-sanguinamenti anomali vaginali
-perdite maleodoranti vaginali
-sangue nelle urine

L'unica protezione contro il Papilloma Virus, oltre alla vaccinazione, è  la prevenzione con il Pap Test annuale, che permette non solo di diagnosticare a tempo un tumore ma anche di visualizzare se ci sono infezioni più lievi in atto.

Ecco perché, come vi dicevo prima, è importante vaccinare le nostre figlie prima che inizino ad essere sessualmente attive, è un vaccino gratuito che le protegge dai 4 ceppi di virus HPV , inoltre è bene ricordare alle nostre ragazze, e a noi stesse, che se il Pap Test risulta positivo all'HPV non significa che hanno certamente un tumore all'utero, ma che vi è un'infezione in atto e, quindi, è di grande importanza eseguire lo screening preventivo perché ci permette di curare in tempo la lesione, con un semplice intervento al laser ambulatoriale in anestesia locale, evitando di trascurarla con il rischio di danni molto maggiori.

Non dimenticate che il dialogo con i vostri figli è molto importante, direi fondamentale, per una buona prevenzione!


Elena 

Per saperne di più

18/09/15

La mia prima intervista

Sabato 5 Settembre 2015

Siamo state invitate dal Sig Pier Carlo Leone al Fondo Edo Tempia di Biella per essere intervistate per il suo prossimo libro.

È stato per me la mia prima esperienza in questo senso la paura era tanta e l'emozione forte per essere stata intervistata da un uomo così colto e conosciuto nel mondo della lettura e che ha intervistato personaggi famosi come Adriano Celentano, Marco Masini e tanti altri...

Mi sono per un attimo sentita una Vip a chiacchierare davanti a un microfono in un splendido giardino davanti ad un piacevole caffè con la segretaria al mio fianco che non perdeva una mia parola grazie al registratore sul tavolino di ferro battuto bianco.

Con mia sorpresa invece di raccontare solo del mio libro ho dovuto rispondere a domande molto più complesse e personali ma alla fine tutto è filato liscio.

Senza dimenticare che ha intervistato anche Barbara ma lei era un pesce nel mare sguazzava al suo agio.

Ringrazio Carlo e non vedo l'ora di leggere cosa  ha scritto su di me.
                                                                                                                              Elena